M5S: nuovo rinvio anticorruzione, bruttissimo segnale maggioranza

M5S: nuovo rinvio anticorruzione, bruttissimo segnale maggioranza

Se governo non avesse imposto stop oggi avremmo già la legge Roma, 18 giu. (TMNews) –
“Il no da parte di Partito Democratico e della maggioranza a calendarizzare immediatamente la discussione parlamentare di questa legge è un bruttissimo segnale”. E’ quanto denuncia Enrico Cappelletti, capogruppo in commissione Giustizia al Senato del M5S ricordando che “la scorsa settimana il Movimento 5 Stelle ha proposto al Ministro Orlando un pacchetto di proposte anti-corruzione fatto di norme chiare ed efficaci. Norme su: falso in bilancio, autoriciclaggio e riciclaggio, inasprimento delle pene per reati contro la pubblica amministrazione introducendo la figura dell’agente provocatore, raddoppio dei termini della prescrizione, inasprimento delle pene per reati finanziari e societari”. “Tutte proposte contenute all’interno del disegno di legge anti-corruzione che il Movimento 5 Stelle ha proposto nuovamente oggi di calendarizzare in Senato. Se entro i primi giorni di luglio non verrà formalizzata da parte del Governo la proposta sulla nuova legge anti-corruzione, alla quale il Movimento 5 Stelle ha dichiarato di voler contribuire con il suo apporto propositivo – annunciano i grillini al Senato -, procederemo a formalizzare la nostra richiesta di votazione del pacchetto anti-corruzione prima in Commissione e poi in aula. Va ricordato che se non ci fosse stato lo stop da parte del Governo nelle scorse settimane, oggi il nuovo ddl anti-corruzione frutto della collaborazione parlamentare tra Movimento 5 Stelle ed altri gruppi politici (in primis grazie al contributo del disegno di legge Grasso) sarebbe già diventato legge”. Pol/Gal 181735 GIU 14

http://tinyurl.com/kohtyh6