Il grillino Cappelletti: fascista (e immorale) è la maggioranza

Il grillino Cappelletti: fascista (e immorale) è la maggioranza

Intervista al Sen. Cappelletti  di  A. Mannino

Fa avanti e indietro dalla commissione giustizia del Senato, il senatore vicentino Enrico Cappelletti, e ha poco tempo al telefono. «Ci siamo autospesi», mi fa subito. I parlamentari del Movimento 5 Stelle, dopo la bagarre di ieri alla Camera sul decreto Imu-Bankitalia, hanno scelto la linea dura: «E’ un fatto gravissimo che per la prima volta nella storia della Repubblica un presidente della Camera si sia avvalso di una regola non prevista per tagliare la discussione in aula. Per la prima volta nella storia della Repubblica!». L’ostruzionismo dei deputati del suo movimento è stato decapitato dalla cosiddetta “tagliola”, una modalità decisa dalla presidente Laura Boldrini (Sel) con i capigruppo della maggioranza lettiana, scatenando la rabbia dei grillini, assieme alla destra di Fratelli d’Italia gli unici a opporsi all’accoppiamento fra eliminazione seconda rata Imu e ricapitalizzazione della Banca d’Italia (considerata un regalo alle grandi banche).

State alzando il tiro?
E’ inaudito che si tolgano 7 miliardi e mezzo dalle tasche dei cittadini contribuenti per metterle in quelle dei banchieri.
Il suo movimento alla Camera ha dato l’assalto ai banchi del governo. Non è grave?
E’ grave – e lo dico volendo esprimere tutta la mia indignazione, non ho veramente parole – lo schiaffo cattivo e violento dato ad una collega, che mi dicono essere anche incinta.
Loredana Lupo, che accusa il questore della Camera, Dambruoso di Scelta Civica, di averla malmenata.
Sì, ma vorrei vedere se c’era uno come me, alto e grosso, se si permetteva di farlo. E’ stato un atto vigliacco. E politicamente è uno schiaffo a 9 milioni di italiani che protestano legittimamente. Questo è il modo con cui si rapportano con chi protesta, e così non si parla del merito.
Parliamone.
Già la legge del 2005 prevedeva la possibilità di statalizzare la banca centrale italiana. Siamo di fronte ad uno scippo gigantesco.
Siete accusati, voi grillini, di voler bloccare tutto, guardandovi bene dall’essere propositivi. Che proposte avete fatto in materia economica?
E’ stato bocciato persino un semplice ordine del giorno in cui proponevamo il reddito di cittadinanza, figuriamoci.
Al Senato è passato il Milleproroghe: la maggioranza procede nonostante la vostra opposizione.
Che vuole le dica sul Milleproroghe? Ecco, le racconto questa. Il senatore del Pd Sposetti l’abbiamo beccato che votava pur non essendo presente. Ripeto: votava pur non essendo presente.
Qualche suo compagno di partito ha votato al posto suo?
Altrimenti perdeva i 214 euro di gettone di presenza, no? Questo è il livello morale. Ed è stato lui l’autore di un emendamento per tassare al 60% le sigarette elettroniche, visto che, come leggo da articoli di stampa, riceve finanziamenti dalle industrie del tabacco.
Senta ma lei come giudica il “Napolitano boia” di Giorgio Sorial e il “boia chi molla” di Angelo Tofalo?
Scivoloni inopportuni. L’epiteto riferito a Napolitano va stigmatizzato, ma bisogna spiegare che Sorial stava accusando il Presidente della Repubblica di voler tagliare la testa all’opposizione. Il legame lessicale c’è tutto. Quanto all’altro episodio, non ne so molto, ma insomma… andiamo…
Una deputata del Pd pare voglia denunciare Sorial per vilipendio al Capo dello Stato.
E’ un reato che non ha più ragion d’essere. Personalmente sono per renderlo un illecito civile per cui pagare un’ammenda e stop.
Ma fra richiesta d’impeachment di Napolitano e contestazione al governo finanziario dell’Unione Europea vi state radicalizzando. O meglio: siete già in campagna elettorale per le Europee?
Noi eletti del M5S come regola abbiamo quella di intervenire solo per ciò di cui ci occupiamo, non credo che…
Su, senatore, mi dia un giudizio politico sulla linea del suo movimento oggi, non si faccia pregare.
Be’, su Napolitano vorrei citare un episodio. Io faccio parte della commissione giustizia del Senato. Ci è arrivato un messaggio di Napolitano sulla situazione delle carceri, sulla quale tra l’altro abbiamo elaborato un piano che non prevede nè indulti nè amnistie. Per rispondergli un mio collega è salito al Quirinale, ma indovini: secondo lei è stato ricevuto?
Me lo dica lei.
Ovviamente no. Ha dovuto parlare con un funzionario. Bene, quando tempo fa salì al Colle Fedele Confalonieri, che non è un parlamentare della Repubblica, Napolitano lo ricevette senza problemi. Sull’Europa invece le rispondo che è sempre stato un nostro cavallo di battaglia, e credo che le elezioni europee ci daranno grande soddisfazione. Sono temi di grande respiro, dove andiamo meglio rispetto al locale…
Dove siete deboli, come hanno dimostrato le amministrative.
Alle europee sarà più presente il programma, in cui siamo forti. Ora devo lasciarla, scusi…
Permetta un’ultima domanda. I deputati del Pd e di Sel vi hanno dato dei “fascisti”. Lei si sente fascista?
Rispedisco al mittente il “complimento”. Berlusconi diceva che siamo estremisti di sinistra, a sinistra ci dicono che siamo fascisti… Fascista è chi limita la libertà di espressione altrui. Chiedo: chi ha limitato la libertà d’espressione del parlamento ieri? Il blocco unico della maggioranza. I fascisti sono loro.

fonte: http://www.nuovavicenza.it/2014/01/il-grillino-cappelletti-fascista-e-immorale-e-la-maggioranza/
http://tinyurl.com/q63kzhz