Lotta contro i “pianisti” del Senato

Lotta contro i “pianisti” del Senato

E’ noto che il M5S ha colto in flagranza e denunciato in aula decine e decine di volte – durante le votazioni – numerosi parlamentari in particolare del PDL ma anche del PD, votare contemporaneamente, a mano libera, per sé e per altri (cd. fenomeno dei pianisti) .
Cito fra i tanti autori di queste condotte conosciute quanto biche, i sigg. Formigoni, Giovanardi, Falanga, ma basta dare uno sguardo ai verbali del Senato per stendere un elenco ben più lungo.

Ebbene di nuovo c’é che, per evitare il fastidio di essere continuamente ripresi dal M5S, questi furbissimi indegni rappresentanti del popolo Italiano si sono inventati di inserire in maniera fraudolenta nella buchetta del voto una pallina di carta accartocciata, che pressata sul tasto di votazione impedisce al sistema di resettarsi e quindi di registrare il voto di Senatori ASSENTI.

Perché questi furbissimi indegni rappresentanti del popolo Italiano lo fanno?
Possiamo presumere che la bieca motivazione di questa condotta sia il DENARO, e quindi per intascare i 214 €. c.a.di diaria giornaliera previsti per i parlamentari PRESENTI E VOTANTI.

Quali sono le conseguenze per questo disgraziato comportamento ?

  1. viene alterato in maniera fraudolenta il risultato delle votazioni d’Aula
  2. si configura un presumibile reato di truffa ai danni dello Stato, conseguente al danno erariale
  3. potenzialmente il parlamentare assente ha un alibi di ferro documentato, effettuato nella realtà da un “parlamentare fantasma” (o pallina di carta)

Abbiamo fatto innumerevoli denunce in aula per stigmatizzare questi odiosi comportamenti e, indignati per l’assenza di qualsiasi provvedimento teso a condannare i parlamentari coinvolti, abbiamo ritenuto di procedere a presentare un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica di Roma.
L’esposto contiene i verbali di seduta relativi agli episodi denunciati in aula e cita come testimoni il Presidente del Senato, l’Ufficio di Presidenza e tutti i senatori presenti.
Ringraziamo il Dr. Pignatone, Procuratore capo della Repubblica per la grande disponibilità riservata.

Download (PDF, 112KB)

http://tinyurl.com/nbt7wew